Motricità fine: cos’è e come svilupparla

La motricità fine è il controllo motorio dei piccoli movimenti di mani e dita, dei piccoli muscoli di faccia e della lingua e dei piedi. La motricità fine è una parte importante dello sviluppo del bambino. Per esempio colorare, usare i mattoncini o il semplice abbottonarsi il cappottino o usare le posate sono attività con cui il bambino già dai primi anni deve confrontarsi. Queste azioni per essere compiute mettono in atto la motricità fine, se un bambino presenta difficoltà potrebbe essere motivo di frustazione ed è dunque importante sviluppare e allenare questo tipo di motricità.

MOTRICITÀ FINE: COME SVILUPPARLA

Per aiutare un bambino dai 12 mesi ai 4 anni a sviluppare questo tipo di motricità è necessario stimolare attraverso il gioco le sue abilità. Colorare con i pastelli rappresenta un buon esercizio per esempio. Il gesto di prendere il pastello e tenerlo in mano per colorare aiuterà il bambino a sviluppare questa capacità. Anche i mattoncini sono un mezzo utile. Lasciarli utilizzare le mani e le dita per toccare diversi oggetti e sostanze, sabbia, farina, pasta modellabile oppure vestire una bambola, facendo allacciare le scarpe , infilare i bottoni nell’asola e aprire e chiudera la zip. Tutte queste attività aiutano a sviluppare questa abilità in modo divertente aiutando cosi il bambino ad acquisirla senza che diventi un problema.

MOTRICITÀ FINE: PERCHE’ È IMPORTANTE

Sviluppare la motricità fine in età prescolare è davvero molto importante. Il bambino arriverà a scuola sapendo utilizzare la muscolatura della mano, fondamentale per imparare a scrivere. La motricità fine è importante poiché seguendo le tappe di sviluppo nei primi anni di vita si acquisisce quella che è la giusta manualità che poi nel corso della vita consentirà di imparare a utilizzare oggetti e strumenti diversi. E’ importante svilupparla con il gioco nei più piccoli per acquisirla divertendosi, in casi di disturbi della motricità fine è bene rivolgersi a un medico, che valuterà il percorso da fare e se possono essere d’aiuto delle sedute di terapia occupazionale.

Articolo informativo offerto gratuitamente dallo staff di Rugbytots, leader nella Motricità Ovale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *